Intervista a Morning Tea

Official_6

“Morning Tea è una chitarra acustica in una stanza nell’ East End di Londra. Condensa sulla finestra, vengo e foglie che cadono.
Morning Tea è una chitarra acustica in una stanza nell’ East End di Londra. Condensa sulla finestra, vengo e foglie che cadono. Poi torna il sole. Per un po’. Un thè caldo, dei biscottini e una sigaretta fatta a mano mentre sul piatto gira Nick Drake.
Morning Tea è la prima cosa del mattino, fra la nostalgia di posti mai visti e la magnifica ordinarietà della vita di tutti i giorni.
Morning Tea sono Clarks in cammino sull’asfalto bagnato delle strade di Hoxton, di Sesto San Giovanni o di chissà dove, poco importa.Morning Tea è Mattia Frenna, classe 1988, già “chitarra gentile” dei Motel 20099.
E’ uscito a settembre il suo album d’esordio via Sherpa Records: una raccolta di canzoni essenziale, calma e gentile… Come il thè del mattino.”

Il tuo nome mi è piaciuto tantissimo perché sono una tea lover e per me il tè del mattino è un rituale sacro.  Come lo hai scelto?
Cercavo qualcosa che prima di tutto suonasse bene e che rendesse l’idea del  contesto all’interno del quale si è sviluppato il progetto. Era dicembre di un paio di  anni fa, vivevo in un appartamento popolare ad Hoxton, East London…i giorni erano freddi, umidi e opachi, riflessivi e malinconici…giorni bellissimi tutto sommato…ecco mi sembrava che “morning tea” evocasse tutto questo in maniera perfetta.

Che tipo di tè preferisci e che musica ascolti mentre lo bevi?
Tè nero, è l’unico che riesco a bere…magari con del latte…Io ascolto un sacco di  musica diversa, diciamo che dal momento in cui metto l’acqua nel bollitore al  momento in cui giro lo zucchero si può passare agilmente da Elliott Smith ad Alva Noto…. 

Read More »